Ventisei anni fa l’autobomba davanti al Palazzo di Città a Terlizzi (Ba)

Ore 8,10, appuntamento con la strage. Era il 7 maggio del 1993. ll vigile urbano Gioacchino De Sario in perlustrazione posa l’ occhio su un’ auto sospetta. È strano, molto strano che sia pargheggiata proprio lì, davanti all ‘androne di ingresso della casa comunale. Pochi attimi per capire cosa fare, pochi attimi per farsi sopraffare dalla paura o far emergere il coraggio e il senso del dovere. Invita passanti e i dipendenti del Comune di Terlizzi ad allontanarsi: “Andate via, allontanatevi”- grida- poi apre lo sportello ed è l’ inferno: l’ uomo viene scaraventato per venti metri, avvolto dalle fiamme, c’ è chi grida, chi piange, l’ autobomba è del tipo “siciliano”. Un’ autobomba per una strage, mancata grazie ad un atto di eroismo. “Ha salvato i nostri bambini” ripete una donna nella piazza illuminata di sirene.

Non era il primo evento criminoso avvenuto in città. E non è stato certo l’ ultimo.
L’ elenco è lungo molto lungo fino a giungere all’ ultima sparatoria quella del 20 2019 marzo, passata così nel silenzio assordante di tutti.
Il silenzio che fa prosperare ciò che buono non è.

Foto di Pietro Guastamacchia
Archivio storico sig. Damiano Paparella

Una risposta a “Ventisei anni fa l’autobomba davanti al Palazzo di Città a Terlizzi (Ba)”

  1. I don’t think the title of your article matches the content lol. Just kidding, mainly because I had some doubts after reading the article.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *